il successo del 2° meeting

//il successo del 2° meeting

il successo del 2° meeting

Il club LO ZUCCONE ringrazia tutti i coltivatori che hanno partecipato al 2° meeting nazionale sulla coltivazione dell’ATLANTIC GIANT, svolto il 14 dicembre presso Villa Sonnino a San Miniato (PI).

Gli argomenti trattati dai nostri relatori si sono rivelati molto interessanti permettendo ai partecipanti di acquisire delle buone basi di partenza per poter raggiungere notevoli risultati.

Il primo intervento, relativo alla preparazione del terreno, è stato di Paolo Ermacora, ricercatore all’università agraria di Udine. Paolo ha spiegato brillantemente la struttura del terreno e come poter intervenire per miglioralo, sottolineando l’importanza di effettuare un analisi del suolo per ottimizzare le concimazioni.

A seguire Roberto Kron Morelli, dopo aver presentato l’azienda Agrifutur ( azienda che distribuisce prodotti per l’agricoltura biologica e l’agricoltura integrata) che lui stesso rappresenta, parla di quali sono i principali patogeni nel terreno che possono colpire le nostre piante e su come difenderci.

Successivamente Stefano Cutrupi (campione italiano di zucca gigante 2014 con 783 kg) ha parlato dell’Atlantic Giant, dalla semina al raccolto, sottolineando le fasi più importanti della gestione e cura della pianta.

Dopo pranzo è stato turno dei cugini Bartoli , Ivan e Gabriele, che ci hanno spiegato le tecniche di coltivazione dell’anguria gigante.

Dopo Paolo Ermacora e Kron Morelli, hanno affrontato il tema della difesa delle piante, elencando quali sono i patogeni che possono colpire la nostra coltivazione e quali sono le migliori tecniche e prodotti per combatterli.

Infine Paolo Battistel dell’azienda CERES ( società di consulenza in agricoltura) ha spiegato in modo molto dettagliato come si nutrono le piante e quali sono i migliori sistemi di concimazione, analizzando diverse realtà.

foto1foto2

By |2017-12-06T09:31:44+00:00gennaio 19th, 2015|news|Commenti disabilitati su il successo del 2° meeting

About the Author: