Zucche Giganti2017-12-15T18:31:27+00:00

Zucche e … Zucche Giganti

Zucche da orto, zucche nel campo o zucche da ornamento? Nelle scelte degli appassionati oggi forse prevale quest’ultima opzione. Molto lontano appare invece il ricordo della coltura promiscua della zucca insieme, per esempio, al granoturco da spiga. Tempi nei quali la zucca veniva raccolta a fine agosto, con qualche giorno d’anticipo sul raccolto del mais, quando era ormai gialla, priva di foglie, con i tralci secchi. Una volta raccolte le zucche venivano “stoccate” in un luogo asciutto e, un po’ alla volta, tagliate a metà per estrarne i semi, a loro volta esposti al sole, magari in un tegolo, per farli seccare e trarne il nuovo seme. Altri semi venivano impiegati nel forno della cucina per poi essere masticati durante le veglie di fronte al focolare o nella stalla, infine la polpa delle zucche gialle finiva nella teglia, anche se non ha mai rappresentato un piatto così rinomato. Altra cosa era lo zuccaio, spazio esclusivo delle cucurbitacee, lì concentrate magari per alimentare il maiale (specialmente quelle gialle, cosiddette vernine).Tutt’altra storia quella delle zucche coltivate per raggiungere dimensioni giganti, una storia cui appartiene di diritto il seme della varietà Atlantic Giant. Dal punto di vista botanico, Atlantic Giant appartiene al genere Cucurbita, specie maxima. Gli albori della storia di questa varietà sono da ricercarsi tra Stati Uniti e Canada dove, già alla fine del 1800 si registravano zucche di peso superiore ai 150kg. Per vedere battuti questi pesi si dovranno aspettare gli anni ’70.
Nella storia dell’evoluzione di questa varietà è stata molto importante la figura del canadese Howard Dill. Grande appassionato di giardinaggio fin da bambino, egli lavorò per più di 30 anni sperimentando incroci atti a produrre zucche di peso e dimensioni sempre maggiori e di colore arancione. Dopo un lungo lavoro di selezione nel 1986 egli registrò la varietà con il nome : “Dill’s Atlantic Giant”.
Da quel momento in poi ebbe inizio una progressione senza sosta che ha portato ai risultati attuali. La pianta dell’Atlantic Giant è capace di crescita straordinaria e può arrivare a ricoprire una superficie di 100 metri quadri. I frutti, capaci di superare picchi di crescita di 25kg al giorno, raggiungono dimensioni davvero ragguardevoli e l’attuale record mondiale di 1190,5 kg, stabilito in Belgio nel 2016 da Mathias Willemjins, ne è la prova.. Atlantic Giant è in assoluto la pianta che produce i frutti più grandi e pesanti al mondo